Bellezza en plein air

Quelle di primavera sono saltate a causa dell’emergenza che ci impediva di uscire di casa e organizzare qualsiasi cosa, ma le Giornate FAI tornano il 27 e il 28 giugno con un’edizione speciale, tutta all’aperto. Con prenotazione obbligatore e la certezza che la bellezza è sempre disponibile per chi la sa vedere.

Nel pisano in programma una Passeggiata da Docciola a Sant’Andrea, a cura del gruppo FAI di Volterra.

La prenotazione è obbligatoria, per ragioni di sicurezza, non potranno essere ammesse persone senza prenotazione. Durante la visita sarà necessario rispettare le misure di sicurezza prestabilite. La visita si svolgerà Domenica 28 giugno tra le 9.30 e le 19 con turni di visita ogni ora (9.30; 10.30; 11.30; 16.30; 17.30; 18.30), per gruppi di massimo 15 persone. Una parte del percorso si snoda in un sentiero boschivo: si consigliano scarpe comode e chiuse.

Una piacevole e inconsueta passeggiata attraverso duemila anni di storia della città. La visita inizia dalla duecentesca Porta di Docciola, una delle quattro porte realizzate durante la costruzione del nuovo tratto della cinta muraria medievale. La vista dall’esterno delle mura offre una particolare sensazione prospettica delle Fonti retrostanti. Queste, da sempre le maggiori di Volterra per portata di acqua, rappresentano la più antica opera di monumentalizzazione (1245) tra le varie cittadine. La visita continua con il breve percorso che conduce alle antiche mura di epoca ellenistica della Postierla, di oltre 7 Km. Si tratta dell’ unico esempio di porta pedonale ancora visibile in Volterra. Si prosegue quindi sull’antico sentiero che conduce al complesso monastico degli Olivetani: costruito inglobando la pre-esistente cappella duecentesca dei Santi Andrea e Leonardo, rappresenta l’unico caso, non solo in Volterra, in cui chiesa e monastero si trovano su due livelli diversi.

Al momento della prenotazione viene chiesto un contributo, in questo periodo ancor più importante che mai, perché il FAI possa continuare a tutelare le bellezze che ci circondano ma delle quali spesso ci dimentichiamo: pensiamoci prima di dire di no.

www.fondoambiente.it

Trekking artistico

Sarà la scusa per una camminata per gli amanti dell’arte o quella per un tuffo nell’arte per i camminatori: domenica 23 giugno Arte Trekking in Val Graziosa sarà un’escursione, a cura del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, densa di emozioni in compagnia di Roberto Ghezzi, l’artista che crea con la natura, e Sabrina Ambroselli, guida ambientale.

Verrà raggiunta l’installazione temporanea creata da Ghezzi nei pressi della località Tre Pini, dove le sue tele stanno raccogliendo i segni del fuoco e della rinascita. Lungo il percorso sarà possibile scoprire anche le forme e le poesie impresse nelle rocce dai fratelli Andreoni negli anni ’70.
La giornata si concluderà con la visita al Museo, dove è allestita la mostra di Ghezzi Naturografie. Racconti dell’acqua e della terra.
Un’occasione unica per immergersi al contempo nella natura della Val Graziosa e nell’opera di questo artista, visitando insieme a lui le sue opere compiute e in divenire.

informazioni, quote e prenotazioni: 349 7232581, Sabrina (entro il 21/6)
ritrovo: 9.15 davanti alla Certosa di Calci
pranzo al sacco, percorso escursionistico facile, consigliata scorta idrica e scarpe da trekking

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: