Mostra Mercato Tartufo Bianco di san Miniato

Il 9-10, 16-17 e 23-24 novembre San Miniato è la capitale nazionale del Tartufo bianco, ma anche del food and wine italiano

Un laboratorio del gusto a cielo aperto dove sarà possibile trovare le migliori tipicità regionali e nazionali del food e del wine; la cucina scenderà in piazza per diventare spettacolo e al tempo stesso sperimentazione con l’Officina del Tartufo nella quale i migliori chef proporranno dal vivo i loro piatti e i loro abbinamenti.

Più ecosostenibilità, più plastic free, più riciclo. Sono le parole d’ordine che caratterizzeranno la Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato, giunta alla 49esima edizione e che continua il percorso attraverso azioni virtuose e di sistema che portano a ridurre al minimo l’impatto ambientale. Il tartufo nasce solo in un ambiente incontaminato ed è un indicatore biologico, la sua presenza è indice di qualità dell’ambiente.

Ufficio Informazioni Turistiche: ufficio.turismo@sanminiatopromozione.it

Fondazione San Miniato Promozione: 057142745 – segreteria@sanminiatopromozione.it

Classica, sorprendente, Lirica

La stagione d’Opera del Teatro Verdi propone titoli classici e incursioni nel Barocco e nel Novecento.

Dopo l’apertura con un Empio punito sorprendente per interpretazione e messa in scena, la stagione lirica del Teatro Verdi, diretta da Stefano Vizioli e sostenuta dal contributo di MIBACT e Regione Toscana, propone altre cinque opere nelle quali classico e innovazione avranno ciascuno la propria parte: in cartellone Tosca (15-17/11/19), Ernani (13-15/12/19), Don Giovanni (22-24/1/20), Guglielmo Tell (22-23/2/20) e Napoli Milionaria (28-29/3/20).

Prosegue poi quella che è ormai una tradizione di approfondimento per gli appassionati e di apertura ad un pubblico sempre più vasto: iniziative come Opera e dintorni, Prove aperte e Parlando di libri sono pensate proprio in questo senso.

Si tratta di cicli di incontri che, con tagli diversi ma identico fine, rafforzano il rapporto con la comunità cittadina e attraggono nuovi spettatori: Parlando di libri invita a conversazioni a proposito di libri legati al mondo dell’opera; Opera e dintorni propone presentazioni – aperitivo delle opere in cartellone; Prove aperte invita tutti a partecipare alle prove delle produzioni che nascono nella nostra città.

Il cartellone completo degli appuntamenti:

TOSCA

venerdì 15 novembre ore 20.30, turno A . domenica 17 novembre 2019 ore 15.30, turno B

ERNANI

sabato 7 dicembre, alle ore 11, nel Foyer del Teatro Verdi IN ATTESA DI ERNANI presentazione-aperitivo

venerdì 13 dicembre ore 20.30, turno A domenica 15 dicembre ore 15.30, turno B

LA BAMBINA SOTTO IL PIANOFORTE

giovedì 9 gennaio 2020, alle ore 18, nel Foyer del Teatro Verdi presentazione del libro LA BAMBINA SOTTO IL PIANOFORTE

DON GIOVANNI

sabato 18 gennaio 2020, alle ore 11, nel Foyer del Teatro Verdi IN ATTESA DI DON GIOVANNI

martedì 21 gennaio, dalle 16 alle 19, PROVE APERTE di DON GIOVANNI (prenotazione obbligatoria entro venerdì 17 gennaio alle 12 su teatrodipisa.pi.it)

venerdì 24 gennaio 2020, ore 20.30, turno A domenica 26 gennaio 2020 ore 15.30, turno B

GUGLIELMO TELL

sabato 15 febbraio 2020, alle ore 11, nel Foyer del Teatro Verdi IN ATTESA DI GUGLIELMO TELL

sabato 22 febbraio 2020, ore 20.30, turno A domenica 23 febbraio 2020 ore 15.30, turno B

NAPOLI MILIONARIA

sabato 21 marzo 2020, alle ore 11, nel Foyer del Teatro Verdi IN ATTESA DI NAPOLI MILIONARIA

sabato 28 febbraio 2020, ore 20.30, turno A domenica 29 febbraio 2020 ore 15.30, turno B

AD ARIEL CON UN RAMO DI GINEPRO

mercoledì 25 marzo 2020, alle ore 18, nel Foyer del Teatro Verdi presentazione del libro AD ARIEL. CON UN RAMO DI GINEPRO

teatrodipisa.it

Sagra del Cinghiale – Riparbella

Il 9-10 e 16-17 novembre a Riparbella (PI) si terrà la 48ª edizione della Sagra del Cinghiale.

Il borgo medievale di Riparbella, adagiato sul crinale di una collina che domina la valle del fiume Cecina, è da quasi 50 anni teatro di una sagra dedicata alla gastronomia locale ed in particolare ai piatti a base di carne di cinghiale.

Nel menù della sagra si potranno gustare moltissime specialità della zona, tra le quali citiamo le fettuccine e lasagne cinghiale, la polenta accompagnata da cinghiale in salmì, ragù di cinghiale od olio nuovo e cacio, il cinghiale in salmì, l’arrosto di cinghiale, altre carni arrosto o alla griglia e fagioli lessi. Per finire in bellezza ci saranno il castagnaccio e i cantuccini, mentre il tutto sarà accompagnato da vino riparbellino e vinsanto.

Gli stand gastronomici restano aperti il sabato a cena dalle 19:00 e la domenica anche a pranzo dalle 12:30. Nei giorni della sagra non mancheranno altri eventi come musica dal vivo e da ballo, tornei, mostre, esibizioni e animazione per i più piccoli. Lo svolgimento è garantito anche in caso di maltempo presso la tensostruttura del Parco Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Sagra del Cinghiale – Chianni

7-8-9-10 e 14-15-16-17 novembre: 44ª Sagra del Cinghiale di Chianni

Giovedì 7 Novembre

Ore 19.00 presso la sala polivalente del Piccolo Teatro: Inaugurazione della 44ª Sagra del Cinghiale di Chianni a cura della Federcaccia Pisana.
A Seguire “La caccia a tavola”. Parteciperanno dirigenti regionali e provinciali. Info e prenotazioni (obbligatoria) al numero 335 7128749 oppure 347 3618553.

Venerdì 8 Novembre

Ore 19:00 Apertura festa con cena su prenotazione con doppio turno: 19:30 e 21:30.

Info e prenotazioni (nei giorni lunedì, mercoledì, venerdì) al numero 0587 648809 dalle ore 9:00 alle ore 12:00. Inizio prenotazioni mercoledì 30/10/2019. È obbligatorio lasciare un recapito telefonico, comunicare l’ora e confermare la presenza.

Sabato 9 Novembre

Ore 12:00 e 19:00 Apertura ristorante.

Centro Polivalente “Piccolo Teatro”. Grazie alla disponibilità dei sigg. Neumann e con la collaborazione de “La Compagnia di Luca” e “Archivio fotografico di Chianni” presentazione del libro “Il paesechenoncepiù” nei racconti di Luigi Benvenuti e nei dipinti di Massimo Salvoni.

Ore 18:00 Presso la Sala Convegni del Comune di Chianni, inaugurazione della Mostra fotografica “Tracce di luce 5° Ed.” con autori della UIF (Unione Italiana Fotoamatori) a cura dell’Associazione Fotografica Fornacette.

Scambio gastronomico in collaborazione con l’Associazione Radicchio Rosso di Dosson (TV).

Durante la cena degustazione gratuita di specialità a base di radicchio rosso.

Dalle ore 21:00 Live music con Slang Live Music: una serata da cantare e ballare.

Domenica 10 Novembre

Per le vie del Borgo: odori, sapori, tradizioni e musica dal vivo.

Ore 12:00 e 19:00 Apertura ristorante.

Nel pomeriggio Stage di ballo con Guidi Paolo e Barbara Signorini del Centro Danza Fidanzi e spettacolo bandistico con la Filarmonica G. Puccini di PalaiaSara Gesi con la zumba, bachata e salsa nello stage open a tutti.

Ore 15:00 in Piazza del Castello spazio per i bambini: giochi e intrattenimenti a cura dei Cinghialotti.

Giovedì 14 Novembre

Ore 18:00 Presso la Sala Convegni del Comune di Chianni a cura dell’Amministrazione Comunale: Convegno sul tema “Sistema economico territoriale tra cultura, identità, tradizioni e prodotti locali”.

Le Eccellenze della Sagra: La Bottega del Morino presenta una cena a tema. Menù a prezzo fisso € 35 su prenotazione, massimo 130 partecipanti. Per le prenotazioni, per maggiori chiarimenti e per il dettaglio della serata telefonare al numero 335 7128749 oppure 348 4120390.

Venerdì 15 Novembre

Ore 19:00 Cena su prenotazione con doppio turno: 19:30 e 21:30.

Info e prenotazioni (nei giorni lunedì, mercoledì, venerdì) al numero 0587 648809 dalle ore 9:00 alle ore 12:00. Inizio prenotazioni mercoledì 30/10/2019. È obbligatorio lasciare un recapito telefonico, comunicare l’ora e confermare la presenza.

Sabato 16 Novembre

Ore 12:00 e 19:00 Apertura ristorante.

Ore 13:00 Incontro e scambio con la comunità di Cles (Trentino Alto Adige) alla presenza delle rispettive Amministrazioni Comunali.

Nel pomeriggio esibizione del Gruppo Bandistico Clesiano della comunità di Cles.

Dalle ore 19:00 Live music con la Crazy Band: una serata da cantare e ballare.

Domenica 17 Novembre

Per le vie del Borgo: odori, sapori, tradizioni e musica dal vivo.

Ore 12:00 e 19:00 Apertura ristorante.

Ore 11:00 Esibizione del Gruppo Bandistico Clesiano.

Ore 15:00 in Piazza del Castello spazio per i bambini: giochi e intrattenimenti a cura dei Cinghialotti e O.C.R. Bear Team.

Sfilata folcloristica delle locali squadre di caccia al cinghiale accompagnata dalla Ciaccia Banda Street Band.

Jazz in Blu

Domenica in jazz: gli appuntamenti musicali di Palazzo Blu si declinano, anche, in chiave jazz

Si affiancano alla musica classica e alla sua versione da camera, quattro monografie su altrettanti artisti che hanno fatto la storia di questo genere musicale: ecco la seconda edizione di Domenica in jazz, appuntamento per appassionati e curiosi con questo genere particolare e insieme universale. Palazzo Blu si conferma capace di variegare la propria offerta culturale ospitando i concerti di grandi esponenti del jazz italiano. Le lezioni concerto della domenica mattina nascono dalla collaborazione tra la Fondazione Palazzo Blu e il progetto Pisa Jazz, promosso dall’associazione ExWide con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa; gli incontri, condotti dal docente, giornalista e grande esperto di storia del jazz Francesco Martinelli, partono il 17 novembre, alle 11, con Silvia Bolognesi, Rossano Emili e la musica di Charles Mingus. Il 24 novembre sarà la volta di quella di Thelonius Monk suonato da Paolo Birro; il 1 dicembre Franco D’Andrea interpreta Duke Ellington e il 15 dicembre Stefano “Cocco” Cantini, Andrea Beninati e Michelangelo Scandroglio ci raccontano con gli strumenti John Coltrane.

PROGRAMMA

17 Novembre ore 11

CHARLES MINGUS

Musicisti: Silvia Bolognesi & Rossano Emili
Charles Mingus è stato un innovatore e un ribelle del jazz, ma è anche stato il musicista la cui carriera ha attivamente attraversato più epoche della storia di questa musica. Partito da Armstrong e Hampton, attraverso Ellington e il bebop ha poi ispirato e anticipato il free. Contrabbassista magistrale, bandleader e compositore, produttore e organizzatore, Mingus è una personalità complessa e ineludibile per chi ama il jazz. Silvia Bolognesi, la bassista toscana di fama internazionale con cui celebriamo la musica di Mingus ha semplicemente detto “Se suono jazz è perché ho sentito Mingus” e Rossano Emili, uno dei maggiori specialisti europei del clarinetto basso, è stato ispirato a sua volta da uno dei collaboratori chiave di Mingus, Eric Dolphy.

24 Novembre ore 11:00

THELONIOUS MONK

Musicisti: Silvia Bolognesi & Rossano Emili
Thelonious Monk, nato nel 1917 come il jazz, si staglia nella storia del jazz come una montagna severa e inarrivabile. Iniziato al pianoforte dai virtuosi di Harlem diventerà il guru di Parker e Gillespie; accusato di non essere un maestro della tastiera si rivelerà come uno dei musicisti più influenti del jazz, e le sue composizioni giudicate “sbagliate” o “troppo difficili” oggi formano la base del jazz moderno. Il pianista padovano Paolo Birro che ha dedicato uno splendido album al repertorio monkiano ci aiuterà a ripercorrere la sua musica insieme al sassofonista Pietro Tonolo.

01 Dicembre ore 11:00

DUKE ELLINGTON

Con Franco D’Andrea
Difficile limitare l’impatto di Duke Ellington al jazz: la musica del compositore di Washington è un corpus tra i più importanti del XX secolo, spesso in dialogo sottile e ironico con gli altri grandi compositori a lui contemporanei, come George Gershwin e Arnold Schoenberg. Nel 2020 ricorre il 70mo anniversario del suo concerto pisano del 18 maggio 1950 al Teatro Verdi. Il suo inconfondibile gusto coloristico, le infinite variazioni sul blues, le opere sinfoniche e sacre e lo swing per big band saranno rievocate da Franco D’Andrea, un personalità fondante del jazz in Europa che ha riletto su disco non solo l’Ellington più celebre ma anche quello delle suite sinfoniche.

15 Dicembre ore 11:00

JOHN COLTRANE

Musicisti: Stefano “Cocco” Cantini, Andrea Beninati, Michelangelo Scandroglio
Coleman Hawkins ha dominato il sassofono negli anni Quaranta, Charlie Parker negli anni Cinquanta e John Coltrane negli anni Sessanta, dopo una lunga gavetta accanto a Miles Davis e a Thelonious per arrivare a esprimere una urgenza espressiva e spirituale senza eguali negli anni subito prima della sua prematura scomparsa. Da Giant Steps ad A Love Supreme fino ad Ascension le sue opere sono pietre miliari della storia del jazz. Stefano “Cocco” Cantini ha approfondito forse come nessun altro in Italia l’universo coltraneiano – suono, composizione, improvvisazione – e ci accompagnerà nella sua esplorazione.


Francesco Martinelli è una vera istituzione internazionale nell’ambito della storia del jazz. Francesco Martinelli è infatti impegnato fino dagli anni Settanta nella diffusione della cultura jazzistica in Italia come organizzatore di concerti, giornalista, saggista e traduttore, insegnante e conferenziere. Ha collaborato negli anni Settanta alla organizzazione delle memorabili Rassegne Internazionali del Jazz di Pisa, e in seguito ha promosso nella sua città concerti e rassegne tra cui La Nuova Onda, l’Instabile’s Festival, An Insolent Noise. Ha tradotto una dozzina di libri dall’inglese all’italiano, collaborando con Arcana, Il Saggiatore, EDT e con la pisana ETS per la collana Sonografie la cui più recente uscita è un volume su Steve Lacy. Insegna Storia della Popular Music al Conservatorio Bomporti di Trento e Storia del Jazz presso l’Istituto Musicale Mascagni di Livorno e la Siena Jazz University; a Siena Jazz dirige anche il Centro Studi sul Jazz “Arrigo Polillo”, la più ampia raccolta di libri, riviste e registrazioni di jazz in Italia, e dirige la collana di testi jazzistici in traduzione creata in collaborazione da EDT e Siena Jazz. In Settembre a conclusione di un vasto progetto internazionale promosso dall’European Jazz Network è stato pubblicato dalla inglese Equinox il volume “The History of European Jazz – The music, musicians and audience in context”, curato da Martinelli.

Tra terra e fuoco

In mostra al Museo di Storia Naturale di Calci il mondo dei vulcani. Per scoprire quanto la terra sia un pianeta in movimento.

Dal 15 novembre, con la mostra Vulcani. Il fuoco della Terra potremo scoprire i segreti di un mondo del quale spesso ci dimentichiamo, ma che è in costante attività: quello dei vulcani. Il nostro è un paese ricco di questi giganti della natura alla cui attività sono legati più fenomeni di quanti pensiamo e che vale la pena conoscere. Attraverso filmati, immagini, ricostruzioni al computer, ologrammi, mappe, diorami a grandezza naturale e campioni di rocce, sarà possibile scoprire i segreti dei vulcani e compiere un percorso affascinante all’interno di una camera magmatica, sulle pendici dei vulcani, all’interno del nostro pianeta.

Dopo l’inaugurazione di venerdì 15 novembre alle 16.30 e fino al 25 maggio 2020, l’Etna, lo Stromboli, il Vesuvio, Vulcano, Ischia, Lipari, Pantelleria, i Colli Albani, i Campi Flegrei ci sembreranno meno lontani: impareremo a conoscerne la forma, la storia, i tipi di eruzione e i prodotti che si originano durante l’attività effusiva o esplosiva. E infine esploreremo le relazioni che esistono con i fenomeni sismici, comprendendo come entrambi siano segnali del fatto che il nostro pianeta è in costante movimento.

Ideata e curata dal vulcanologo, giornalista e fotografo naturalista Marco Carlo Stoppato, responsabile dell’associazione di divulgazione scientifica Vulcano esplorazioni, la mostra prevede anche attività didattiche per le scuole, visite guidate e conferenze.

msn.unipi.it
info.msn@unipi.it

Un’isola chiamata Terraneo

Una mostra di illustrazioni a Palazzo Blu completa l’offerta del Pisa Book Festival. Fino al 9 febbraio 2020, Terraneo. Isola di tutti i popoli di Vincenzo del Vecchio

Gli ingredienti per una storia affascinante ci sono tutti: un’isola mitica, una serie di popoli diversi che condividono una cultura millenaria, tante città bellissime. Le illustrazioni di Vincenzo del Vecchio per il libro per bambini Terraneo. Isola di tutti i popoli, scritto con Marino Amodio, saranno in mostra a Palazzo Blu e si legano a doppio filo al tema di questa edizione del festival, dedicato all’Europa.

Si inaugura mercoledì 6 novembre alle 18.30, l’esposizione di 15 tavole a china, alcune colorate in digitale, tratte dal libro di Amodio e Del Vecchio che resteranno nella sala a piano terra di Palazzo Blu fino al 9 febbraio 2020.

Se il Mediterraneo fosse un’isola, questa l’idea, sarebbe popolata da tutti i popoli che vi si affacciano e che, avendolo sempre navigato e vissuto, sono sempre in qualche modo stati in contatto. Tra fantasia e attualità, un libro che può far riflettere su questo tema anche i più piccoli, mentre le sue immagini sognanti non potranno che incantare tutti.

Vincenzo Del Vecchio e Marino Amodio saranno presenti all’inaugurazione di mercoledì 6 novembre alle 18.30 a Palazzo Blu mentre alle 19 di giovedì 7 saranno in sala Pacinotti al Palazzo dei Congressi, ospiti del Pisa Book Festival per un incontro con Giorgio Bacci palazzoblu.it

I ’60 pisani

Nuovo decennio in mostra dall’archivio Frassi: dal 30 ottobre al 13 aprile a Palazzo Blu, dopo i Cinquanta arrivano i favolosi anni Sessanta

Nuova mostra di immagini dell’archivio di Luciano Frassi, la miniera di fotografie che rispecchiano la memoria storica cittadina: con Pisa gli anni ’60. Il boom e il rock, a cura di Giuseppe Meucci e Stefano Renzoni, si passa dalla ricostruzione post bellica all’adozione del nuovo Piano Regolatore che ribaltava gli orientamenti urbanistici precedenti; dallo sviluppo della motorizzazione nel centro urbano all’espansione delle strutture universitarie in seguito alla grande crescita del numero degli iscritti. Sono gli anni della prima giunta di centrosinistra del sindaco Viale e della strage di Kindu, dell’alluvione, della visita di Paolo VI e della promozione del Pisa in Serie A.

I dischi dei Beatles e il raduno di Woodstock tra le foto esposte nelle sale al secondo piano di Palazzo Blu, a ricordare il mondo che cambia velocemente e ben al di là delle mura cittadine fanno da cornice ad una mostra che ci racconta chi siamo stati e come siamo cambiati, insieme ad un breve ciclo di incontri pomeridiani con Alberto Mario Banti, Marco Masoni, Giuseppe Meucci e Renzo Castelli per ripercorrere i momenti salienti di un decennio che ha cambiato la società.

palazzoblu.it

Arte, natura e impegno

Al Museo di Storia Naturale di Calci due esposizioni diverse ma con in comune la voglia di migliorare l’ambiente e le persone.

Si tratta di La Natura Investe, dal 25 ottobre al 3 novembre, mostra di elaborati grafici nati nell’ambito di un progetto finanziato con un bando regionale per dare una risposta creativa alla tragedia dell’incendio del Monte Pisano dello scorso anno. Nella sala dei Cetacei ci saranno acquarelli, disegni, motivi stilizzati che diventano decoro per tessuti ma che partono da rielaborazioni di flora e fauna del Monte Pisano grazia all’immaginazione e al lavoro dei ragazzi di tre scuole: I. C. F. De Andrè (capofila), Liceo d’Arte F. Russoli e Modartech di Pontedera.

In occasione dell’inaugurazione, venerdì 25 ottobre alle 16, alla Certosa sarà realizzata una video installazione evocativa e immersiva. Il lavoro di un anno, tra riflessione e creatività, diventa spunto per il futuro. Quello dell’ambiente e quello delle persone che devono averne cura.

Dal 26 ottobre al 17 novembre c’è anche Orto ispirami la presentazione delle opere realizzate in occasione del concorso di disegno estemporaneo 2019 organizzato dall’Orto Botanico delle Alpi Apuane a cura dell’Associazione “Aquilegia” Natura e Paesaggio Apuano ONLUS che, all’inaugurazione di sabato 26 ottobre alle 15.30, presenterà le prossime iniziative, inclusa la prossima edizione del concorso di disegno.

Le mostre sono visitabili gratuitamente negli orari di apertura del Museo.

Il Futurismo, oggi

Fino al 9 febbraio a Palazzo Blu si racconta il Futurismo con una grande mostra che ci fa rileggere lo spirito di un’epoca.

Marinetti era già arrivato a Pisa, con una delle sue Serate Futuriste, quelle strane performance che dovevano essere davvero sovversive anche solo per il modo in cui proponevano l’arte. Era stato accolto al Teatro Rossi: accolto si fa per dire, visto che la serata era finita con un sonoro lancio di ortaggi che il padre fondatore del movimento aveva commentato come il segno di una riuscita perfetta. Ma si sa: con il futurismo tutti i canoni sono rovesciati; dunque sì, in effetti un’accoglienza calorosa. Oggi torna nella nostra città con la mostra Futurismo in programma fino al 9 febbraio a Palazzo Blu, se chissà vorrebbe che gli fossero tirati ortaggi.

La peculiarità del Futurismo, unica vera grande avanguardia artistica italiana del 900, è la volontà del movimento di intrecciare l’arte con la vita, di non affascinare un ristretto gruppo di addetti ai lavori arroccati nella torre di una cultura d’élite, ma arrivare a tutti. Arrivare e smuovere, rivoluzionare, ribaltare quello che c’era prima per creare qualcosa di nuovo. Quindi il movimento, il culto della rivoluzione, del rovesciamento della tradizione; la velocità, il cambiamento, le innovazioni, le macchine, le industrie. Ma, attenzione: tutto secondo regole precise che dal primo Manifesto del 1909, venivano pubblicate, dunque appunto rese pubbliche, diffuse, e rispettate.

A 110 anni dal primo Manifesto, la mostra curata da Ada Masoero, propone una ricca scelta di opere dei firmatari di quel primo Manifesto e di quelli che, dedicati di volta in volta alle diverse declinazioni artistiche, furono pubblicati negli anni seguenti. Più di cento opere di primissimo rilievo da Marinetti a Boccioni, Carrà, Russolo, Balla, Severini e poi Prampolini, Depero, Fillia, Benedetta descrivono un movimento che è stato coerente nella sua eversività e rivolto al popolo tutto pur rompendo tutte le regole che il popolo poteva conoscere.

La mostra segue l’ordine cronologico dei tre decenni del movimento senza mai risultare pedante; raggruppa i temi che hanno interessato i futuristi risultando comunque fluida; racconta un periodo storico e le sue immancabili implicazioni politiche mettendo in luce le connessioni senza ambiguità, ma operando i dovuti distinguo; è ricchissima di opere di primo rilievo ma resta leggera e piacevolissima da visitare. Marinetti sarebbe contento: oltre alla possibilità di leggere di sala in sala il testo completo di ciascun manifesto, ci sono lungo il percorso momenti ludici nei quali il visitatore può vedere il proprio viso sovrapposto al ritratto del fondatore o giocare su una lavagna magnetica con le parole in libertà componendo la propria poesia futurista. Più divertente che tirare ortaggi.

www.futurismopisa.it www.mondomostre.it www.palazzoblu.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: