Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Cuccioli da salvare

Pisa aderisce all’appello del comune di Molazzana prendendo in custodia al canile Soffio di vento 5 cani tolti da un canile abusivo. Ora tocca a noi: terminate le visite e cure sanitarie sarà possibile adottarli come è già toccato a 37 altri cani nel 2021.

Pisa aderisce all’appello del Comune di Molazzana (Lu) e prende 5 cani in custodia al canile rifugio Soffio di vento di Ospedaletto. Si tratta di due femmine, Kenya e Anuk, e tre maschi, NairobiKing e Vegas. Tutti meticci, di taglia medio piccola. Al momento sono in osservazione sanitaria e, dopo le cure e le vaccinazioni previste per legge, sarà possibile adottarli.

La vicenda era scoppiata agli inizi di luglio, quando oltre 60 animali erano stati tolti da un canile abusivo e affidati, come disposto dalle vigenti normative, al Comune dove si trovava la struttura che avrebbe dovuto spendere 120 mila euro all’anno per prendersene cura. Il sindaco, Andrea Talani, aveva allora rivolto un appello tramite Anci ai Comuni toscani per prendere in custodia gli animali ed evitare il dissesto finanziario “dovuto a una situazione privata che sta travolgendo le pubbliche finanze”.

“Abbiamo ritenuto bello e importante – spiega l’assessore all’ambiente con delega anche alla protezione e benessere degli animali, Filippo Bedini – aderire all’appello del sindaco di Molazzana e ospitare nel nostro canile cinque dei cani oggetto del sequestro. Adesso sono presi in carico dalla nostra struttura, che sta provvedendo a tutte le verifiche sanitarie del caso e poi, una volta ultimate, sarà possibile procedere anche per loro con le adozioni che, per fortuna, quest’anno stanno registrando numeri significativi. Rinnovo pertanto l’appello a visitare il canile Soffio di vento e a pensare seriamente all’adozione di un cane, tanto più adesso che anche cinque nuovi amici garfagnini cercano casa dalle nostre parti”.

Nel 2020, anno del Covid, le adozioni tramite il canile Soffio di vento erano state appena 32, mentre dall’inizio di quest’anno sono già 34 e altre 3 sono in programma nei prossimi giorni. Al momento si trovano custoditi al canile in totale 40 cani, ed è possibile visitare la struttura per chiedere informazioni nei giorni di lunedì e venerdì (orario 08.00-11.00), mercoledì e giovedì (14.00-17.00) e sabato (14.00-17.00). Per prenotazioni e informazioni si può chiamare il 346-9491412.

Kenya, bianca e nera è una meticcia del 2019 mentre Anuk, nera, è del 2021; Nairobi è un meticcio nero focato del 2021, King è meticcio fulvo del 2017 e Vegas è un meticcio nero focato del 2021.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Di Tartarughe, Di nidi e di spiagge

Quanto ne sappiamo dell’ormai famosa tartaruga Caretta caretta che da qualche anno è tornata a nidificare sulle nostre spiagge? La sentiamo nominare spesso, ma per proteggerla davvero possiamo partecipare all’incontro organizzato sulla spiaggia di Calambrone domenica 18 luglio.

A Calambrone un corso gratuito sulla nidificazione della tartaruga marina Caretta caretta sulla costa pisana ci aiuterà a conoscerla meglio e ad aiutarla a trovare sulle nostre spiagge un luogo adatto in cui fare il nido.

Nell’ambito delle attività estive di comunicazione ambientale organizzate presso il punto informativo bandiera blu di Calambrone sulla spiaggia libera 2 (ingresso al mare C91), domenica 18 luglio alle 18, l’Associazione Tartamare terrà un incontro gratuito, aperto a tutti, di informazione e formazione sulla nidificazione della tartaruga marina Caretta caretta sulle nostre coste.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Il Bastardo è chi li abbandona

Ancora diffuso, più di quanto si creda, la pratica barbara di abbandonare gli animali domestici, soprattutto, cani, al momento di partire per le vacanze. Un appello invita invece a visitare i canili e decidere di prendersi cura di cuccioli che hanno solo bisogno d’amore.

Abbandonare un cane è un atto vergognoso, una terribile e incivile abitudine che deve finire”. Così l’assessore all’ambiente Filippo Bedini, in visita al canile sanitario rifugio intercomunale Soffio di vento, rivolge un appello alla vigilia delle vacanze estive. 

“Una campagna di qualche anno fa – prosegue Bedini – diceva “Se lo abbandoni il bastardo sei tu”. E il concetto rimane ancora oggi lo stesso. Pertanto rivolgo un appello a tutta la cittadinanza perché cessi la pratica degli abbandoni dei cani, soprattutto nel periodo estivo. Prendere un animale in casa non è come acquistare un giocattolo, ma significa accogliere in famiglia un’altra persona, che ha sentimenti e abitudini, che vuole affetto e che è in grado di ricambiare e soffre se viene abbandonato. Quindi basta abbandoni!”. 

“Invito i cittadini a visitare il nostro canile e mi auguro che questo luogo possa essere sempre più di passaggio per tanti degli animali che attualmente ospitiamo. Mi auguro che in futuro ce ne siano sempre meno in questi spazi perché vengono adottati, ottenendo così una seconda possibilità. L’invito dunque è a visitare quest’area, aperta e ospitale, e l’auspicio è che vengano sempre più famiglie a trovare gli animali in custodia per valutare se procedere o meno con le adozioni che, naturalmente, devono essere fatte con consapevolezza e con tutte le cautele possibili, per garantire che non falliscano a discapito dell’animale”.

Nel 2019 dal canile sanitario rifugio Soffio di vento sono stati effettuati circa 50 affidi, mentre nel 2020 sono stati solamente 32, anche a causa anche della pandemia.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Per tutti i cuccioli

Chi si occupa dei piccoli animali selvatici e del pronto soccorso animali? Da oggi attivo il servizio di recupero dei cuccioli di fauna selvatica e di pronto soccorso animali: un modo per sensibilizzare nei confronti della fauna autoctona.

Nuovo servizio di recupero dei cuccioli di fauna selvatica e di pronto soccorso animali: ad organizzarlo il Comune di Pisa, in ottemperanza alla normativa regionale che affida ai Comuni l’organizzazione dell’attività di soccorso e del recupero dei pulcini e dei cuccioli di fauna selvatica autoctona.

Il servizio è stato affidato a seguito di gara ad evidenza pubblica alla Associazione Amici degli Animali a 4 zampe ODV con sede a Pontedera. Si tratta di un servizio complesso, perché molto variabile in base alle stagioni, alle specie animali viventi nel territorio, e ai rapporti da instaurare con i Centri regionali faunistici autorizzati che dovranno occuparsi del reinserimento in natura di alcune specie. L’associazione, che opera da anni nel settore ed è in possesso di ambulanza veterinaria, gestirà un servizio a chiamata con reperibilità h24 a cui potranno rivolgersi principalmente le forze dell’ordine ma anche tutti i residenti di Pisa nel caso di ritrovamenti di cuccioli di uccelli (pulcini o pullus) o di cuccioli di fauna selvatica. Occorre specificare “cuccioli” perché la normativa individua invece la Regione come responsabile per gli animali selvatici adulti.

L’associazione avrà anche il compito di integrare, esclusivamente per la città di Pisa, il servizio di pronto soccorso veterinario degli animali d’affezione ai sensi del vigente Codice della strada, (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo codice della strada, Art. 189 – Comportamento in caso di incidente, Art. 9-bis). Ossia, esclusivamente nel caso di animali feriti a causa di incidenti stradali e ritrovati su suolo pubblico, il primo soccorso resta in carico (come avvenuto fino ad oggi) agli operatori del canile Soffio di Vento che, qualora si renda necessario attivare il pronto soccorso, si coordineranno con l’associazione Amici degli Animali a 4 zampe ODV.

“Sono lieto che il Comune di Pisa arrivi a recepire la normativa regionale sul soccorso ai “pulli” – dichiara l’assessore all’ambiente, Filippo Bedini. – L’affidamento per 5 anni del servizio garantisce anche la continuità necessaria alla qualità. Abbiamo, con l’occasione, previsto di razionalizzare tutto il servizio di Pronto Soccorso, che sarà svolto anche per gli animali d’affezione (cosa che fino a oggi faceva il gestore del canile) dagli Amici degli animali a 4 zampe. Mi auguro che con questa novità aumenti ulteriormente il livello di attenzione su tutto quello che riguarda il mondo degli animali, che presto a Pisa vedrà un ulteriore passo avanti con la nomina del Garante, il cui bando è aperto fino al 12 marzo”.I numeri di riferimento sono disponibili sulla pagina web del Comune di Pisa.

Un garante per gli animali

Si apre in questi giorni una selezione per trovare un Garante per la tutela degli animali: ad un anno dall’approvazione di questa nuova figura istituzionale, e dopo la stesura di un regolamento cui attenersi, l’amministrazione seleziona candidati idonei per un ruolo che darà voce a chi non ce l”ha.

Dopo l’approvazione del Consiglio Comunale di Pisa dell’istituzione del Garante per la tutela degli animali, avvenuta nel gennaio 2020 all’unanimità dei votanti, l’Amministrazione Comunale ha provveduto, per rendere operativa la nuova figura istituzionale, a predisporre un apposito regolamento comunale, approvato in Consiglio nel settembre 2020, che ne disciplina funzionamento, nomina e compiti. A partire da lunedì 11 gennaio sarà pubblicato, sul sito web del Comune di Pisa, l’avviso pubblico per selezionare questa nuova figura, che verrà poi eletta dallo stesso Consiglio Comunale.“Siamo veramente soddisfatti – ha dichiarato l’assessore all’ambiente Filippo Bedini stamani in conferenza stampa a Palazzo Gambacorti – di portare a compimento l’istituzione del Garante per la tutela degli animali, una proposta di cui è stato primo firmatario il consigliere comunale Alessandro Bargana, che ringrazio. Grazie all’impegno degli uffici, nell’arco di un anno siamo riusciti a passare dall’approvazione in Consiglio alla stesura del Regolamento e alla pubblicazione della selezione che porterà alla nomina del Garante. Questa figura dovrà rivestire un ruolo fattivo e concreto, pur non percependo compenso per le attività svolte. Sarà un aiuto reale per l’amministrazione, dovrà lavorare con spirito di collaborazione, fare da trait d’union con le associazioni, segnalare, vigilare e relazionare sulla sua attività annuale. La sua nomina spetterà al Consiglio Comunale previa selezione pubblica che rimarrà aperta ben 60 giorni, per dare una maggiore evidenza e garantire partecipazione ai soggetti interessati a svolgere questo ruolo con serietà e impegno.”

“Oggi portiamo a compimento – ha aggiunto il consigliere comunale Alessandro Bargagna – una proposta che è nata in Consiglio Comunale per fornire una risposta alle richieste partite dalla cittadinanza, dalle associazione di volontariato impegnate sul fronte della tutela degli animali. Siamo lieti di essere riusciti a portare a compimento questo percorso che garantirà il pieno rispetto dei diritti a chi non ha voce, grazie alla collaborazione di tutti i cittadini.”

Chi è il Garante per la tutela degli animali. Il regolamento approvato prevede che il Garante per la Tutela degli animali sia eletto dal Consiglio comunale e scelto tra coloro che siano esperti di riconosciuta e comprovata esperienza, competenza e professionalità nella materia della tutela e dei diritti degli animali, previa pubblicazione di apposito avviso pubblico. Il Garante opera in piena autonomia e con indipendenza di giudizio di valutazione. Il Garante dura in carica per tutta la consiliatura durante la quale viene eletto; l’incarico è rinnovabile per una sola volta, salvo revoca da parte dello stesso Consiglio Comunale sulla base di apposito atto motivato. Il Garante non percepisce alcuna indennità o compenso, svolgendo la sua attività a titolo completamente gratuito. Al fine dello svolgimento delle proprie funzioni al Garante sarà assegnata una postazione presso un ufficio del Settore Ambiente, con l’obbligo di garantire la presenza almeno per un giorno a settimana ricevendo le istanze che vengono dalla cittadinanza. 

Quali sono le sue funzioni. Le funzioni del Garante per la Tutela degli Animali sono quelle di ricevere segnalazioni e reclami di chiunque venga a conoscenza di atti o comportamenti lesivi dei diritti degli animali, vigilando sulla corretta applicazione delle normative legislative; denunciare fatti o comportamenti, relativi agli animali, configurabili come reati; promuovere campagne di sensibilizzazione, con particolare riferimento alle scuole; promuovere l’educazione dei cittadini a un corretto rapporto tra l’uomo e gli altri animali; formulare proposte per la elaborazione di progetti intesi a migliorare le condizioni di vita degli animali; richiedere interventi di prevenzione e repressione degli abusi sugli animali e controlli sul territorio ai Servizi Veterinari dell’A.S.L., alla Polizia Locale, alle Guardie Zoofile; interagire costruttivamente con le Associazioni attive nel campo della protezione degli animali; sviluppare ogni forma sinergica con la Facoltà di Veterinaria dell’Università; dare impulso a indagini da parte degli Enti competenti per quanto concerne violazioni di legge e regolamenti inerenti alla tutela degli animali; richiedere la costituzione di parte civile nei giudizi concernenti i reati di uccisione, di maltrattamento e di abbandono di animali; predisporre annualmente una relazione sull’attività svolta e sulle condizioni degli animali nel territorio comunale da presentare al Consiglio comunale.

Bando pubblico per la selezione del Garante. Sarà pubblicato a partire da lunedì 11 gennaio sul sito web del Comune di Pisa (nella sezione Bandi di Gara – Altri Bandi) l’avviso pubblico per la selezione e la nomina del Garante. Ci saranno 60 giorni di tempo per presentare la domanda di partecipazione alla selezione. Chiunque sia interessato alla nomina, potrà presentare apposita domanda, corredata dal proprio curriculum vitae.

Tra i requisiti: provata esperienza nel campo della tutela degli animali dimostrabile in base a curriculum; idoneo curriculum nella materia oggetto delle funzioni del Garante dal quale si desuma chiara competenza nell’ambito dei diritti degli animali; ampia garanzia di indipendenza; che l’interessato non versi in nessuna delle condizioni previste dal Regolamento, quali membro del Parlamento, del Consiglio regionale, provinciale, comunale, della Direzione Aziendale delle Aziende Sanitarie Locali, di organismi esecutivi nazionali, regionali e locali, di partiti politici e associazioni sindacali, dipendente comunale, né di altri enti locali, istituzioni, consorzi e aziende dipendenti, né lo sia stato negli ultimi due anni; amministratore di enti, società ed imprese a partecipazione pubblica; non eserciti impieghi pubblici o privati, attività professionali, commerciali o industriali, che determinino conflitti di interessi con la funzione. 

Nel verde, a Riglione

Inaugurata all’interno del parco di via Malatesta a Riglione una nuova area sgambatura per far correre i cani in tutta sicurezza: perché anche loro hanno diritto di sentirsi liberi, ma tutti solo rispettando la libertà delle persone di sentirsi al sicuro.

C’è una nuova area sgambatura per cani nel quartiere di Riglione, all’interno del parco pubblico di via Malatesta. L’Amministrazione Comunale di Pisa ha accolto le richieste degli abitanti del quartiere, che avevano segnalato la mancanza di un’area specificamente adibita alla sgambatura dei cani, realizzando una nuova area attrezzata con panchine e cestini per la raccolta dei rifiuti, delimitata da una recinzione metallica. 

L’area di forma rettangolare con dimensioni di 50 per 20 metri, è dotata di un accesso pedonale per gli utenti con cani e di uno per mezzi che eseguono la manutenzione e lo sfalcio del prato ed è attrezzata con arredi e strumenti di agility dog, dotati di apposita cartellonistica. Sia le panchine che gli attrezzi per agility sono realizzati in materiale plastico riciclato. L’area si trova all’interno del parco di via Malatesta che, date le ampie dimensioni, consente di far coesistere nella stesso spazio funzioni e fruizioni diverse del verde pubblico. Dotata di un percorso di urban fitness e di attrezzature ludiche per bambini, rappresenta un importante luogo di incontro e di socializzazione all’aria aperta per famiglie, anziani, proprietari di cani, sportivi e per tutti gli abitanti del quartiere.

Il Comune di Pisa ha realizzato complessivamente 11 aree riservate ai cani, all’interno di spazi a verde pubblico in varie zone della città, che sono gestite dalla direzione Verde e arredo urbano. Le aree recintate sono tutte attrezzate con cestini e panchine.  Il servizio è rivolto a tutti i cittadini in possesso di cani regolarmente iscritti all’anagrafe canina. All’interno delle recinzioni i cani possono muoversi, correre e giocare liberamente senza guinzaglio e museruola, sotto il costante controllo degli accompagnatori che ne sono responsabili. In presenza di più cani, i cani di taglia grande devono essere portati al guinzaglio o portare la museruola. Le aree verdi riservati ai cani si trovano in Largo Paolo Emilio Funaioli a Cisanello, Via Aldo Moro a Porta a Mare, Via Giovanni Falcone a Porta a Lucca, Via Giuseppe Bandi nel quartiere di Sant’Ermete-Putignano, Via Le Rene a Ospedaletto, Via Michelangelo al Cep, Via Montello in zona Pratale, Via Renato Pagni a Gagno, Via Salvatore Quasimodo in Don Bosco, Via Enrico Betti a Pisanova e via Malatesta a Riglione.

Gli animali siamo noi

O meglio quelli di noi, noi umani (se di umanità si può parlare), che abbandonano i propri cani o animali domestici o che, comportamento meno grave, ma dall’esito spesso identico, non considerano quanto i nostri amici possano subire il caldo in questo periodo.

L’ultimo caso registrato a Pisa è di un paio di settimane fa, ma purtroppo si tratta di un elenco che non accenna ad esaurirsi: un cane viene lasciato chiuso in macchina, sotto il sole, con solo uno spiraglio per respirare e muore, nonostante i soccorsi chiamati da un passante.

La cronaca Una pattuglia della Polizia Municipale di Pisa è intervenuta nei pressi di piazza dei Miracoli per tentare di salvare un cane lasciato in auto dai proprietari, ma purtroppo l’intervento non è stato sufficiente a salvare la vita dell’animale, che è morto durante il trasferimento alla clinica veterinaria di San Piero a Grado.

Nel primo pomeriggio gli agenti della Municipale in servizio nell’area monumentale sono stati avvicinati da un turista italiano che ha segnalato la presenza di un auto parcheggiata in via cardinale Maffi, al cui interno si trovava un cane di razza bulldog, in evidente stato di sofferenza. Sulla base della segnalazione, la pattuglia è subito intervenuta in via Maffi ed ha rintracciato l’auto, trovandola parcheggiata al sole, con dentro il cane già in precarie condizioni di salute a causa dell’eccessivo caldo. I proprietari avevano lasciato un finestrino leggermente aperto, ma probabilmente a causa dell’elevata temperatura di questi giorni, soprattutto nelle ore più calde della giornata, non è stato sufficiente a consentire un adeguato ricambio d’aria all’abitacolo. Dopo pochi istanti sono arrivati i proprietari del veicolo, due turisti stranieri, a cui gli agenti hanno intimato di aprire subito l’auto.

Constatato il forte stato di malessere dell’animale, la Municipale ha immediatamente allertato la clinica veterinaria di San Piero a Grado ed ha provveduto a scortare i proprietari con il cane a bordo, fino alla clinica, dove però non sono arrivati in tempo utile per salvare la vita al cane, che è deceduto durante il tragitto. La Polizia Municipale ha provveduto a denunciare alla Procura della Repubblica i due proprietari del cane per maltrattamento di animale, al punto di provocarne la morte. Il magistrato di turno ha disposto l’autopsia del cane, al fine di accertare le reali cause del decesso e le relative responsabilità. Il maltrattamento, in questo caso con conseguente morte dell’animale, è infatti un reato per cui è prevista anche la pena della reclusione.

Pensiamo bene a quello che facciamo, può avere conseguenze gravi per tutti.

Un gatto per amico

Sabato 23 e domenica 24 novembre, alla Stazione Leopolda, l’Esposizione Internazionale Felina con i felini più straordinari del pianeta.

Dalle 10 alle 19, alla Stazione Leopolda di Pisa Un gatto per amico, organizzata sotto l’egida di ENFI – Ente Nazionale Felinotecnica Italiana.

Nei due giorni molti gatti, appartenenti a svariate razze, saranno in gara per il conseguimento dei vari titoli previsti nel Campionato Internazionale. Ci saranno le razze più classiche, come persiani, esotici, ragdoll e blu di Russia, british, scottish, highland, ma anche alcuni esemplari di razze rare come i kurilian bobtail.

A valutare la rispondenza agli standard internazionali sarà una giuria internazionale di tutto rispetto proveniente da Belgio, Bielorussia, Francia e Italia.

Iniziative collaterali:

  • Stand dedicati al mondo del gatto, tra cui uno stand con un’ampia scelta di libri sui gatti.
  • Presentazioni di libri: sabato 23 novembre (ore 15.30) e domenica 24 novembre (ore 14.30): “Felix. La storia del gatto a trazione anteriore” di Claire Cécile Cena (Noctua Book), il gatto diversamente abile adottato dall’autrice che è diventato un caso mediatico; e i racconti “E pensai che sette vite non erano abbastanza” di Caterina Corucci illustrati da Elena Liverani (Carmignani Editrice), la storia divertente di un gatto che passeggia per i corridoi di un museo e ci racconta le sue vite.
  • Corner informativo con pannelli illustrativi dedicati alle razze più diffuse e dove i bambini riceveranno gratuitamente il palloncino dell’evento (fino ad esaurimento scorte).
  • Ampio spazio alla tutela dei gatti meno fortunati grazie alla presenza di alcune associazioni di volontariato.  OIPA  Modena   ci farà conoscere il mondo dei gatti disabili e sarà  possibile scoprire cosa vuol dire vivere con un “gatto a trazione anteriore” come Felix e incontrarne alcuni. L’ Associazione “Gatti Pisa”  illustrerà le difficili vite dei gatti abbandonati e bisognosi di cure  e il grande impegno e sacrificio che serve per recuperarli, ospitarli, nutrirli, curarli e dare loro la possibilità di trovare una nuova famiglia. Sarà possibile per tutti i visitatori prendere contatto con queste associazioni per aiutarle nel difficile lavoro di tutti i giorni  ed eventualmente per adottare uno di questi mici sfortunati ma non per questo meno belli o meno dolci.

PROGRAMMA

SABATO 23 NOVEMBRE 2019

ore 10.00 INIZIO GIUDIZI TRADIZIONALI E SPECIALI, APERTURA AL PUBBLICO

ore 14.30 PREMIAZIONI delle SPECIALI e RING

ore 15.30 presentazioni di associazioni e libri

ore 16.30 BEST IN SHOW e Premiazioni

ore 19.00 CHIUSURA EXPO

DOMENICA 24 NOVEMBRE 2019

ore 10.00 INIZIO GIUDIZI TRADIZIONALI E SPECIALI, APERTURA AL PUBBLICO

ore 11.00 RING ENFI riservato ai CUCCIOLI e neutri DI TUTTE LE RAZZE

ore 14.30 presentazioni di associazioni e libri

ore 15.30 PREMIAZIONI delle SPECIALI e RING

ore 16.00 BEST IN SHOW e Premiazioni

ore 19.00 CHIUSURA EXPO

***

Info

tel/whatsapp/SMS +39 333/6522345

clubfelino.pt@gmail.com

www.ungattoperamico.it

Tariffe biglietti

Intero: € 7,50

Ridotto Coupon € 6,50*

Ridotto € 5,00**

Omaggio bambini fino a 4 anni, diversamente abili non autosufficienti.

*Il Ridotto Coupon è valido esclusivamente nella giornata di sabato 23 novembre 2019.

**Il ridotto è riservato a bambini di età compresa tra 4 e 10 anni, a adulti over 70, militari, diversamente abili autosufficienti, accompagnatori di diversamente abili non autosufficienti

È VIETATO L’ACCESSO CON ANIMALI AL SEGUITO anche se in trasportini o apposite borse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: