Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Dalla parte degli anziani (e delle famiglie)

E’ on line il bando per il Bonus Anziani, un sostegno per le famiglie che gestiscono in casa l’assistenza a un anziano non autosufficiente.

Il bando per l’erogazione di misure economiche di sostegno agli anziani non autosufficienti è on line sul sito istituzionale del Comune di Pisa: le domande potranno essere presentata attraverso la piattaforma on line del Comune di Pisa (sezione “sociale”) dal 27 settembre 2021 al 17 gennaio 2022. La misura prevede per i beneficiari un contributo di 200 euro mensili per tutto il 2021. I contributi verranno assegnati fino all’esaurimento delle risorse previste che, per l’anno in corso, ammontano a 500 mila euro.

“Si tratta di una misura già sperimentata con successo lo scorso anno – dichiara l’assessore al sociale, Gianna Gambaccini. L’obiettivo è quello di dare un sostegno alle persone più fragili, consentendo alle famiglie di far fronte alle spese per gestire l’assistenza di un anziano non autosufficiente presso la propria casa ed evitare il ricorso alle strutture sanitarie assistite. Un importante segnale che come ente locale diamo anche in termini economici. Parallelamente la Regione, da tempo, non incrementa in maniera significativa il fondo per la non autosufficienza, stimolando le famiglie al mantenimento degli anziani non autosufficienti più a lungo al domicilio. Rispetto allo scorso anno abbiamo inoltre implementato l’investimento sulla misura, portandolo da 420mila a 500 mila euro, in modo da poter estendere il contributo a quanti più beneficiari possibile”. 

Potranno presentare domanda gli anziani over 65 invalidi al 100% o portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 residenti nel Comune di Pisa da almeno cinque anni (è consentita la presentazione di una sola domanda per nucleo) e con Isee ordinario in corso di validità pari o inferiore a 30mila euro.

L’erogazione del contributo sarà effettuata in un’unica soluzione pari a 12 mensilità a partire dal mese di febbraio 2022. Verificata la conformità delle domande pervenute, l’ufficio competente provvederà a predisporre una graduatoria stilata sulla base dei punteggi attribuiti ed erogherà il contributo direttamente sul conto corrente indicato dal cittadino.

Le eventuali risorse che diventeranno disponibili a seguito di decadenza dal diritto di uno o più beneficiario/i saranno utilizzate per l’erogazione del contributo in favore del primo escluso nella graduatoria. Il Comune di Pisa effettuerà i controlli necessari alla verifica della veridicità dei dati autocertificati e della permanenza dei requisiti che hanno determinato il beneficio.  Il contributo verrà definitivamente cessato in caso di decesso, ricovero definitivo in una struttura residenziale sanitaria assistita oppure per trasferimento di residenza in altro comune.

www.comune.pisa.it/it/ufficio/bonus-anziani-2021

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Tutti più sicuri

Incontri, volantini, manifesti e video per una campagna informativa contro le truffe ai danni degli anziani: con un protocollo d’intesa firmato in Prefettura si sigla l’impegno per un’attenzione particolare rivolta alle categorie più deboli. Ma importante per tutti.

Incontri formativi e spettacoli itineranti, ma anche video, manifesti, brochure e persino la presenza di un operatore civile agli sportelli postali nel giorno del pagamento delle pensioni. Il Comune di Pisa avvia una nuova massiccia campagna informativa per mettere a conoscenza gli anziani e i loro parenti più stretti dei tanti pericoli di truffa che li vedono loro malgrado vittime e per insegnare come prevenirli.

L’operazione nasce da un protocollo di intesa siglato tra il Comune di Pisa e la Prefettura di Pisa dal quale è nato un progetto, a cui ha partecipato anche Confartigianato Pisa, che ha ottenuto un finanziamento da parte del Ministero degli Interni di poco più di 35mila euro. 

“La nostra attenzione verso le persone più fragili e deboli – commenta l’assessore alla Sicurezza Giovanna Bonanno – è sempre stata molto alta ed oggi acquista ancora maggiore forza. Con questo progetto abbiamo voluto rendere ancora più incisive ed efficaci le iniziative già avviate lo scorso anno, che hanno visto l’organizzazione di incontri e convegni su questo tema, ai quali hanno preso parte tutte le forze di polizia. Abbiamo ritenuto importante, specie in questo periodo di crisi dovuto all’emergenza sanitaria che ha accentuato certi fenomeni, in particolare nei confronti degli anziani, garantire vicinanza e misure di protezione verso coloro che spesso, come appunto la fascia della terza età, si trovano costretti a vivere da soli”.

Obiettivo del progetto quello di aumentare nella popolazione anziana (che rappresenta il 25% della popolazione residente a Pisa) la consapevolezza e le conoscenza del rischio costituito dalle truffe, creare una autonoma capacità di fronteggiare in termini preventivi il fenomeno, sviluppare una resilienza nelle fasi successive all’eventuale verificarsi dell’evento. Dall’altro lato ha l’obiettivo di formare e aggiornare in maniera dettagliata anche gli agenti della polizia municipale e delle forze dell’ordine in generale rispetto al fenomeno delle truffe agli anziani.

 Il progetto sarà sviluppato con una intensa campagna informativa e formativa. Saranno stampati volantini e brochure da distribuire nei punti di ritrovo o passaggio (farmacie, uffici pubblici, distretti socio-sanitari), saranno realizzati video da diffondere sulle tv locali e attraverso il sito e i canali social del Comune, saranno affissi manifesti di un metro per settanta per sensibilizzare l’opinione pubblica. Inoltre saranno organizzati nel corso del prossimo anno almeno due incontri con la popolazione anziana, sia con punti di incontro itineranti che con convegni, e saranno organizzati spettacoli formativi dedicati alla terza e quarta età. Infine il protocollo prevede la formazione di operatori civili che garantiranno la loro presenza negli uffici postali nei giorni di pagamento delle pensioni. 

“Queste iniziative, che spiegano come comportarsi e cosa fare in caso di truffa – conclude l’assessore Bonanno – non sono destinate solo agli anziani ma anche a tutte quelle persone che si occupano e si prendono cura di loro”.

Bonus anziani: 200 euro per favorire la permanenza al domicilio

Iniziativa del Comune di Pisa per il sociale: con un sostegno all’assistenza domiciliare, il Bonus Anziani cerca di aiutare le famiglie degli anziani non autosufficienti.

In arrivo il Bonus Anziani rivolto alle famiglie che assistono in casa anziani non autosufficienti. Il Comune di Pisa ha istituito, infatti, un’apposita misura di sostegno che verrà assegnata alle famiglie tramite un bando pubblico gestito dalla Società della Salute. La finalità del provvedimento, approvato oggi dalla Giunta Comunale, è assegnare un buono da 200 euro mensili per un massimo di 12 rate, per favorire il permanere nel proprio domicilio agli anziani non autosufficienti.

“Come avevo promesso a fine 2019, evidenziando la carenza di risorse nell’ambito del fondo per la non autosufficienza della Regione Toscana nel sostegno all’assistenza domiciliare degli anziani – spiega l’assessore alle politiche sociali Gianna Gambaccini – il Comune di Pisa ha individuato risorse per potenziare l’intervento economico alla domiciliarità, assegnando 420mila euro interamente a questo servizio che potrà offrire un sostegno effettivo alle famiglie che si trovano a gestire l’assistenza a un anziano presso la propria casa, evitando il ricorso alle strutture sanitarie assistenziali”. 

“In occasione di un incontro pubblico con l’assessore regionale Stefania Saccardi sul servizio Pronto Badante – prosegue l’assessore – avevo richiamato l’attenzione sulla necessità di investire maggiori risorse in questo ambito, per affrontare con coraggio e decisione un problema ampio e complesso, in cui occorre analizzare dati e numeri delle domande ai servizi di assistenza. Il fatto che solo nella zona di Pisa nel 2019 la lista d’attesa per l’ingresso nelle Residenze sanitarie assistite, contasse 100 richieste, dimostrava a mio avviso l’insufficienza del sostegno offerto alla permanenza dell’anziano nel domicilio, oltre a una condizione di ‘burnout’ delle famiglie che assistono l’anziano. Non ci siamo limitati a richiedere un maggiore investimento nei servizi da parte della Regione Toscana, ma, per quanto di competenza della nostra Amministrazione per i temi specifici delegati alla Società della Salute, abbiamo individuato risorse aggiuntive, attingendo da un capitolo del sociale del Comune di Pisa che era finora destinato alla Società della Salute per servizi svolti agli anziani di tutta la zona pisana. Abbiamo così destinato l’importo reperito a beneficio intero delle famiglie pisane, affinché il sostegno sia effettivo e si possa limitare il ricorso alle residenza sanitarie soltanto per i casi di più difficile gestione o in quelli in cui non ci sia una famiglia di riferimento, migliorando la qualità della vita e dell’assistenza all’anziano”.

Il bando per partecipare al Bonus Anziani sarà pubblicato a breve da parte della Società della Salute, specificando requisiti per l’accesso, scadenze e modalità di presentazione delle domande.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: