Panchine inclusive

Ripensare il modo di vivere gli spazi pubblici in maniera inclusiva e partecipativa è l’obiettivo: il mezzo potrà essere, anche, installare nei parchi pubblici cittadini panchine inclusive, in grado di ospitare chi è sulla sedia a rotelle.

Il progetto prevede di inserire nei parchi urbani della città sedute concepite per accogliere al loro interno spazi per ospitare una carrozzina: proposto dalla consigliera comunale Laura Barsotti all’interno della 2° commissione consiliare permanente, è stato approvato all’unanimità, incaricando di fatto l’assessore con delega alla disabilità Sandra Munno di coordinare una campagna per dotarne i parchi pubblici pisani.

“Ho accolto subito con interesse l’idea proposta dalla consigliera Laura Barsotti – spiega l’assessore alla disabilità Sandra Munno -.  All’interno del percorso per l’eliminazione delle barriere architettoniche, e in particolare per garantire a tutti la piena accessibilità degli spazi pubblici, abbiamo avviato, insieme alle associazioni che lavorano sui temi della disabilità, un percorso di reale inclusione che porti le persone con qualsiasi forma di disabilità a sentirsi pienamente parte della nostra comunità cittadina”. 

“Con questo nuovo progetto dedicato specificamente agli spazi verdi – prosegue Munno – avvieremo un’attività di ricognizione dei parchi pubblici, per valutare dove collocare le panchine inclusive. Il progetto sarà anche l’occasione per organizzare un lavoro sistematico di monitoraggio sull’accessibilità di tutti gli spazi verdi cittadini, verificando percorsi di ingresso e fruibilità delle aree. Oltre alla funzionalità dei nuovi arredi urbani appositamente concepiti per includere la seduta delle persone che utilizzano la carrozzina, le nuove panchine rappresenteranno un’occasione in più per sensibilizzare le persone, un simbolo per far riflettere sull’importanza di ripensare il modo di vivere gli spazi pubblici in modo da garantire relazioni e interazioni sociali a tutti gli effetti inclusive e partecipative.”

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Perché il teatro è inclusivo

Il teatro inclusivo della compagnia Mayor Von Frinzius sarà a Pisa, in piazza dei Cavalieri, lunedì 6 settembre: con lo spettacolo AUGENBLICK, non ora dedicato ad Andrea Matteucci gli attori ci ricordano che siamo altro rispetto all’etichetta sociale che ci danno gli altri.

Si terrà lunedì 6 settembre in piazza dei Cavalieri lo spettacolo di teatro inclusivo presentato dalla Compagnia Mayor Von Frinzius dal titolo AUGENBLICK, non ora dedicato ad Andrea Matteucci.

Mayor Von Frinzius è una compagnia teatrale livornese nata nel 1997. Attualmente fa parte dell’associazione OAMI ed i suoi spettacoli sono coprodotti dalla Fondazione Teatro Carlo Goldoni di Livorno. Nel 1997 nasce all’interno dell’Anffas Onlus di Livorno l’esigenza di iniziare un laboratorio teatrale per fornire ai ragazzi un senso di sé che possa essere diverso dall’identità che lo specchio sociale fissa loro addosso come una maschera indelebile. Dopo un periodo di formazione, i primi laboratori vedono sulla scena solo ragazzi con disabilità che vengono diretti da Lamberto Giannini nel doppio ruolo di attore e regista.

“Nel teatro che facciamo con attori disabili e non – spiega il direttore della Compagnia Lamberto Giannini –  c’è alla base un concetto di uguaglianza sostanziale e non formale: ognuno di loro sul palco deve esprimersi dando tutto quello che ha. L’unica finalità dei nostri progetti è emozionare e trasmettere la voglia di vivere. Lo spettacolo Augenblick, non ora alterna toni drammatici ed emozionanti a momenti comici e ironici, con l’intento di far capire l’importanza di vivere ogni stante della vita che può cambiare completamente ogni volta che sbatti gli occhi, ogni istante. È dedicato ad Andrea Matteucci, un ragazzo di 17 anni che ha perso la vita in un incidente.”

“Questo tipo di esperienze rappresentano un’occasione imperdibile di rafforzamento delle proprie capacità per i ragazzi con disabilità – commenta il presidente della Fondazione Dopo di Noi Francesco Barachini -. La nostra Fondazione, tramite la struttura del Centro Le Vele, offre la possibilità di accogliere questi ragazzi e avviare un percorso di recupero delle loro capacità, al fine di promuovere la propria autonomia e il progressivo reinserimento nel tessuto sociale.”

“Siamo veramente orgogliosi – ha aggiunto il presidente onorario dell’AIPD Pisa Sandro Del Rosso – di essere riusciti a dar vita anche ad una compagnia pisana di teatro inclusivo, grazie alla collaborazione con la compagnia Mayor Von Fiunzius, che rappresenterà il proprio spettacolo il prossimo 14 settembre. Si tratta di un’occasione fondamentale per la socializzazione dei nostri ragazzi a cui abbiamo lavorato con tenacia e passione.”

Nel corso del 2020-21 gli avvenimenti storici che il mondo si è trovato ad affrontare a causa della pandemia hanno portato la Compagnia Mayor Von Frinzius a reinventarsi, ad esportare la magia del teatro nel calderone della rete web, a rinunciare alla bellezza di oltre ottanta persone che insieme diventano un tutt’uno, vedendosi costretta a realizzare il nuovo spettacolo in maniera diversa: gli attori sono stati divisi in sei gruppi di otto persone l’uno, utilizzando mascherine e mantenendo le distanze. Dove in molti si sono dovuti fermare, Lamberto Giannini, direttore della Compagnia, è riuscito a perseverare e a tirar fuori dalla propria perseveranza un nuovo spettacolo originale dal titolo Augenblick, in tedesco “momento, batter d’occhio”. 

Il batter d’occhio è l’istante da fissare per sempre: ogni attimo ha un valore infinito perché rappresenta l’eternità nella sua interezza, ed al tempo stesso può essere proprio il medesimo attimo in cui, sbattendo gli occhi, il nostro mondo viene completamente stravolto da una notizia, un avvenimento, qualcosa che cambia irrimediabilmente, che sia purtroppo o per fortuna. A partire da questo pensiero la Mayor Von Frinzius ha creato il nuovo spettacolo Augenblick, non ora, un inno alla forza di andare avanti anche quando i cambiamenti della vita ci mettono con le spalle al muro, inno rappresentato dalla potenza dello sguardo dell’altro, che ci permette di immedesimarci e che, secondo Levinas, ci permette di ritrovarci e di comprendere davvero chi siamo. 

Augenblick, non ora, diretto da Lamberto Giannini, Rachele Casali e Gabriele Reitano, con la consulenza artistica di Marianna Sgherri, è prodotto da Compagnia Mayor Von FrinziusFondazione Teatro Goldoni O.A.M.I e gode anche della rinnovata collaborazione con la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci, main sponsor della Compagnia per il quarto anno successivo. Lo spettacolo è stato realizzato grazie alla collaborazione di Charity Stars, Porto 2000, Holtre APS, Asa, Rotary Club Castiglioncello e Colline Pisano- Livornesi, Fondazione Livorno, CTT Nord e Regione Toscana. La tappa pisana dello spettacolo è promossa dalla Fondazione Dopo di Noi Pisa Onlus ed è inserito all’interno della rassegna “Summer Knights” che si tiene in piazza dei Cavalieri a partire dal 4 settembre, con il patrocinio del Comune di Pisa e l’organizzazione della Fondazione Teatro Verdi di Pisa insieme a LEG (Live Emotion Group). “AUGENBLICK, non ora” si terrà il 6 settembre a Pisa in Piazza dei Cavalieri alle 21.30. L’ingresso sarà gratuito con prenotazione obbligatoria inviando e-mail a: augenblickpisa@gmail.com.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: