Estate, tempo di tagliare l’erba

Dopo i rallentamenti per l’emergenza sanitaria, il servizio di taglio erba è stato rafforzato con 12 squadre al lavoro in tutti i quartieri e sul litorale. Centro storico, litorale, Ospedaletto: completati i primi giri, si prosegue a ritmo costante.

Sono ripresi a pieno ritmo e sono stati rafforzati i servizi di taglio dell’erba lungo strade, marciapiedi, aiuole, cigli e scarpate stradali. Il servizio rientra all’interno del global service della manutenzione ordinaria delle strade svolto da Pisamo in collaborazione con Avr. A partire dalla seconda metà di maggio sono tornate operative le 7 squadre di Avr che nel periodo primaverile costituiscono il servizio, mentre dal 25 maggio le squadre impegnate sono salite a 9 e dalla seconda metà di giugno fino a tutto luglio sono operative 12 squadre su tutto il territorio.

“La manutenzione ordinaria di tutto il territorio comunale è una sfida che dobbiamo vincere – ha spiegato il Sindaco Michele Conti – e per farlo c’è bisogno di intervenire, come stiamo facendo, sui meccanismi di funzionamento del sistema di gestione, partendo dagli uffici comunali fino ad arrivare alle ditte appaltatrici che lavorano sulle strade. Più servizi e più controlli sono le parole d’ordine. Per quanto riguarda il taglio dell’erba, aspetto non secondario per la vivibilità dei quartieri e biglietto da visita della città per chi viene da fuori, abbiamo ulteriormente aumentato il numero delle squadre impegnate. Nei mesi di giugno e luglio sono infatti 12 le squadre di Avr che lavorano contemporaneamente su tutto il territorio comunale, divise per quartiere. Inoltre ho firmato molte ordinanze nei confronti di proprietari di terreni privati per disporre il taglio dell’erba e ho personalmente sollecitato il Consorzio di Bonifica a intervenire con maggiore tempestività lungo argini e canali, richiesta accolta con l’intervento eseguito al Cep nelle settimane scorse. Mentre disegniamo la Pisa del futuro con il nuovo Piano Strutturale, non perdiamo di vista la manutenzione e la cura della città, impegnandoci quotidianamente per migliorare la qualità della vita dei cittadini pisani” 

Il servizio di taglio dell’erba sopra e sotto i marciapiedi che riguarda Pisa città viene svolto su circa 360 chilometri di strade. Dalla ripresa del servizio al 30 giugno è stato completato un primo taglio dell’erba in tutti i quartieri, mentre attualmente le squadre sono disposte per il secondo giro di interventi che sta riguardando nello specifico i quartieri di: San Giusto, Porta a Mare, La Cella (già completato), Oratoio, Putignano, Centro storico, Don Bosco (in fase di completamento), Pratale, San Michele (già completato), Porta Nuova (già completato) e Porta a Lucca.

“Nella fase 2 della ripresa post-Covid – spiega l’assessore al verde pubblico Raffaele Latrofa – abbiamo potenziato il servizio al fine di recuperare il tempo perduto nella pausa dovuta all’emergenza sanitaria, per riuscire a fronteggiare il lavoro rimasto in arretrato e dare una risposta efficace, che assicuri il ritorno ai normali standard di decoro urbano. Nonostante i tanti chilometri di strade, marciapiedi e cigli stradali da coprire, le squadre hanno già completato un primo giro di tutta la città e sono adesso impegnate nel secondo. Abbiamo inoltre introdotto una collaborazione positiva tra Pisamo, Avr ed Euroambiente, in modo che la pulizia di cordoli, aiuole e zone perimetrali avvenga contestualmente alla manutenzione delle aree verdi, migliorando il servizio complessivo ed evitando sprechi dovuti alla mancanza di coordinamento tra gestori.”

Sul litorale il servizio di taglio dell’erba sopra e sotto i marciapiedi si svolge lungo 50 chilometri di strade. Le attività sono partite da Marina di Pisa, dove il primo giro è stato completato nel mese di giugno; sono in fase di completamento a Tirrenia durante il mese di luglio e si concluderanno a Calambrone nella prima settimana di agosto.

A Ospedaletto il taglio dell’erba nell’area industriale, che si estende lungo circa 20 chilometri di strade, è iniziato a luglio e si concluderà entro l’inizio di agosto, tenendosi nelle sole giornate di sabato. 

Infine, per quanto riguarda la manutenzione dei cigli e delle scarpate stradali, il servizio, che prevede il taglio della vegetazione su circa 160 chilometri di ciglio stradale e 40 mila metri quadrati di scarpate, è iniziato il 3 giugno ed è attualmente in fase di completamento.

Ripreso il servizio di taglio dell’erba

Da stamani a pieno ritmo le sette squadre di Avr che si occupano della manutenzione del verde sulle strade. Che presto saranno affiancate da lavoratori di pubblica utilità.

Comune di Pisa – Sono riprese a pieno ritmo le attività di taglio dell’erba lungo strade e marciapiedi del Comune di Pisa, che erano state ridotte durante l’emergenza Coronavirus. Da stamani sono di nuovo operative tutte e sette le squadre di Avr che nel periodo primaverile potenziano il servizio di taglio dell’erba, all’interno del global service della manutenzione ordinaria delle strade. “Insieme al Sindaco – spiega l’assessore al verde pubblico Raffaele Latrofa – abbiamo lavorato per trovare una soluzione con Pisamo, affinché questo servizio, che riteniamo essenziale per garantire il mantenimento della qualità urbana, non subisse contrazioni o modifiche, nonostante il momento di difficoltà. A causa del perdurare del periodo di emergenza, le attività subiranno un po’ di ritardi e di rallentamenti, dovuti anche ad alcune modifiche nello svolgimento del lavoro, come l’impossibilità di utilizzare i soffioni, che sono ritenuti pericolosi per lo spostamento di aria e particelle che causano. Chiediamo quindi ai cittadini un po’ di pazienza, dato che gli spazi verdi lungo le strade sono tanti, ma assicuriamo che nel giro di poco tempo la città tornerà agli standard di decoro raggiunti prima del periodo di emergenza sanitaria”.

“Annunciamo inoltre una novità importante che verrà approvata dalla Giunta comunale la prossima settimana – aggiunge l’assessore Latrofa -. Stiamo predisponendo un protocollo che ci permetterà di affiancare al personale di Avr, i lavoratori di pubblica utilità, ovvero persone destinatarie della sanzione penale sostitutiva, che prevede la possibilità di svolgere lavori non retribuiti a favore della comunità. Una possibilità prevista dalla legge a sostegno del percorso di esecuzione penale, con l’obiettivo di contribuire a fornire occasioni di rieducazione e responsabilizzazione nei confronti di chi ha commesso piccoli reati. L’introduzione di questo protocollo, che permetterà a queste persone di svolgere piccole opere di manutenzione del verde sotto la supervisione del personale Avr, ci permette di mettere in campo un’opportunità che ha una doppia valenza: da un parte quella di facilitare l’accesso ai percorsi riparativi e rieducativi, in un’ottica di diminuzione della recidiva e di reintegrazione nella società, e dall’altra quella di aumentare la forza lavoro impegnata nei lavori di manutenzione del verde urbano per rendere il servizio ancora più efficiente.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: